Gli allievi del CFP e il simpatico opuscolo tascabile «Ricette al Casolét: idee gustose per un formaggio unico»

Gli allievi del CFP e il simpatico  opuscolo tascabile «Ricette al Casolét: idee gustose per un formaggio unico»

Ad arricchire la tradizionale rassegna enogastronomica «Il Casolét nella cucina solandra», svoltasi dal 30 agosto al 14 settembre 2014 in Val di Sole, è stato pubblicato un simpatico ed agevole opuscolo tascabile gratuito «Ricette al Casolét: idee gustose per un formaggio unico», elaborato grazie alla fondamentale collaborazione di docenti e studenti del nostro Centro di Formazione Professionale Enaip di Ossana.
Protagonisti gli allievi della classe Seconda Gastronomia e Arte Bianca dello scorso anno, i docneti e ovviamente il Casolét, formaggio un tempo prodotto esclusivamente con latte vaccino crudo, con una pasta tenera e profumata che esprime tutto l’aroma dei pascoli di alta montagna.
Il nome Casolét deriva dal diminutivo latino Caseolus (piccolo formaggio) e sta ad indicare infatti un piccolo cacio di montagna (10-22 cm di diametro, 500 grammi all’incirca il peso), un tempo prodotto solo in autunno, quando le mandrie erano già scese dagli alpeggi estivi e le mungiture erano scarse: il Casolét era dunque il piccolo formaggio di casa per eccellenza, da consumare prevalentemente in famiglia nei mesi invernali.

L'opuscolo è scaricabile dal sito valdisole.net

http://www.valdisole.net/cms-01.00/articolo.asp?IDcms=156080

realizzato da net wise