Progetti

Oltre alla normale attività corsuale, numerosi sono i progetti che integrano il processo educativo e formativo degli studenti.
In collaborazione con le realtà del territorio, il C.F.P. promuove ogni anno specifiche iniziative. I progetti attivati annualmente sono:

Certificazioni ECDL

Nelle classi prime in base al nuovo piano di studio è previsto l’utilizzo delle nuove tecnologie collegate all’ambito professionale. Sarà colta l’occasione per introdurre la possibilità di conseguire alcuni moduli delle certificazioni ECDL (Patente Europea del Computer).
Nelle classi terze, e per alcuni alunni meritevoli delle classi seconde, è previsto il sostenimento dell’esame ECDL e il conseguimento della prima certificazione ECDL Start che consiste nell’approvazione presso l’ente certificatore di quattro moduli a scelta del candidato tra quelli elencati di seguito.
Il monte ore previsto per le classi terze per la preparazione dei moduli è di 30, suddiviso in un’ora alla settimana in ogni classe.
Per l’approfondimento dei vari moduli verrà proposto un corso pomeridiano extrascolastico.
I moduli preparati dai ragazzi con l’ausilio di lezioni teoriche e simulazioni pratiche sono i seguenti:

  • Modulo 1: concetti teorici di base
  • Modulo 2: uso del computer e gestione dei file
  • Modulo 3: elaborazione testi
  • Modulo 4: foglio elettronico
  • Modulo 5: database
  • Moduli 6: strumenti di presentazione
  • Modulo 7: reti informatiche e internet

 

Certificazioni linguistiche

I docenti di lingue straniere del Centro hanno inserito, all’interno della programmazione, la preparazione alle certificazioni linguistiche con l’obiettivo di motivare gli allievi all’ottenimento delle stesse.
I risultati ottenuti negli ultimi anni appaiono più che soddisfacenti: per l’anno formativo 2012-2013 è intenzione degli insegnanti di lingua tedesca preparare gli allievi delle prime classi alla certificazione Fit in Deutsch 1 e quelli delle seconde classi al Fit in Deutsch 2. Gli allievi della classe 3.
ricevimento si prepareranno al ZDJ (livello B1).
Per quanto riguarda la lingua inglese, alcuni alunni delle classi seconde e terze sosterranno l’esame di certificazione linguistica Ket (livello A2) e una parte delle classi terza ricevimento e quarta il Pet (livello B1).
In corso d’anno verranno effettuate delle simulazioni per verificare il livello di preparazione degli allievi e procedere alle iscrizioni.

Gemellaggio CFP alberghiero Riva del Garda – Metzdorfschule Bensheim

Per settembre 2012 è prevista l’accoglienza di un gruppo di studenti provenienti dalla Metzdorfschule di Bensheim, cittadina gemellata con Riva del Garda. Il nostro Centro si attiverà ad organizzare un corso di italiano, attività nei laboratori di cucina e di sala-bar e alcune uscite sul territorio.
In primavera un gruppo di allievi delle seconde classi sarà selezionato, tramite un apposito test d’ammissione, per partecipare ad una settimana linguistica nella città di Bensheim. Gli studenti saranno ospitati in famiglie dell’Associazione “Freundeskreis Amici di Riva”, parteciperanno a lezioni sia teoriche che pratiche insieme agli studenti tedeschi e frequenteranno un corso di lingua tedesca organizzato dalla scuola.

Progetto barman - freestyle

Per l’anno formativo 2012/2013 si propone un corso “FLAIR” dedicato esclusivamente agli allievi della classe TERZA SALA – BAR. Il programma FLAIR BARTENDER propone argomenti ed attività pratiche che possono aiutare gli allievi del terzo anno ad affrontare con maggiore sicurezza e disinvoltura l’esame finale di qualifica. Per questo motivo il corso si concentrerà sulle tecniche di WORKING-FLAIR, finalizzate alla preparazione di una lista cocktails scelta fra le bevande di tendenza nel panorama del bere miscelato. DURATA DEL CORSO: 40 ore circa INSEGNANTI della SCUOLA FLAIRTENDER di PADOVA CONTENUTI DEL PROGETTO:

  • Aree di lavoro all’interno di un american bar.
  • Regole base per il bar tender.
  • Merceologia.
  • Freepouring system.
  • Tecniche di composizione.
  • Ricette premix e guarnizioni.
  • Composizione cocktail.
  • Flair e sue tipologie.
  • Working flair.
  • Movimenti di flair.

OBIETTIVI

  • Presentazione del nuovo sistema di lavoro con tecniche innovative per ottimizzare e velocizzare il servizio.
  • Promuovere la miscelazione e le bevande di tendenza a bassa gradazione alcolica.
  • Sviluppare una nuova cultura sulla figura del barman.
  • Conoscere le varie tecniche, attrezzature e i vari processi di lavoro.
  • Realizzare bevande classiche e di tendenza.
  • Dare valore aggiunto alla figura professionale del barman con l’arte dell’intrattenimento flair.

AZIONI

Le azioni messe in campo nelle attività di TPO di Sala-bar, andranno a valorizzare le tecniche del sistema americano nella preparazione di drinks miscelati, con un progetto trasversale con Scienze, Organizzazione, Linguaggi e Comunicazione.
Durante il corso tutti gli argomenti saranno trattati prima a livello teorico e successivamente si verificheranno capacità pratiche degli allievi: nelle tecniche di miscelazione, di composizione dei drinks e simulazione di situazioni lavorative con preparazione di bevande miscelate abbinate ad alcune sequenze di base del freestyle.
Il livello di apprendimento sarà valutato trasversalmente nelle varie discipline attraverso la somministrazione di questionari sia di gradimento che di conoscenze.

ATTIVITÀ
Durante il percorso all’allievo saranno proposte le seguenti attività:

  • Controllare le materie prime in entrata, le scadenze, l’integrità e la qualità dei prodotti.
  • Toccare e conservare i prodotti in uso nel settore.
  • Apprende le caratteristiche organolettiche dei prodotti in uso per facilitare la preparazione delle bevande miscelate previste.
  • Predisporre la carta dei cocktails.
  • Preparare il set-up del banco bar in base ai cocktails che si dovranno preparare.
  • Utilizzare le principali attrezzature in uso.
  • Utilizzare le tecniche di miscelazione del sistema americano mettendo in pratica le procedure insegnate dal docente.
  • Predisporre e realizzare lavorazioni del bere miscelato alcolico ed analcolico secondo standard di qualità.
  • Eseguire il piano di autocontrollo in relazione al settore di riferimento.
  • Eseguire le varie fasi di pulizia e riordino del laboratorio.
  • Lavorare nel rispetto della normativa igienico-sanitaria previste.



I prodotti del trentino testimoni del gusto

Percorso di educazione sensoriale ed alimentare per scuole alberghiere Accademia d’Impresa, azienda speciale della CCIAA di Trento, organizza un corso di formazione gratuito rivolto a docenti e studenti delle scuole alberghiere del Trentino per promuovere la conoscenza e la diffusione dei prodotti tipici. L’attività didattica prevede il coinvolgimento attivo dei partecipanti tramite attività di degustazione (analisi sensoriale) e di riconoscimento.

Concorso Bar “Francoli Cup”

La Francoli Cup è un International Cocktail Contest riservato agli studenti degli Istituti Alberghieri, e a carattere alberghiero, che si propone di creare esperienze di scambio e momenti di formazione per un utilizzo consapevole e di qualità delle bevande alcoliche.
L’investimento è a lungo termine, con l’obiettivo di avvicinare i mondi della Scuola e del Lavoro, spesso distanti e contrapposti. Il programma per la scuola che ne nasce affianca al divertimento interventi, sui temi di maggior interesse, tesi a sollecitare studenti, docenti ed operatori. In questo senso nascono le collaborazioni con AEHT (Associazione Europea delle Scuole Alberghiere e di Turismo, www.aeht.eu), con il Corso di Scienze del Turismo dell’Università di Milano Bicocca (www.unimib.it) e con gli sponsor sostenitori.
I premi, assegnati sotto forma di Borse di Studio, forniscono un contributo tangibile per la crescita professionale dei vincitori e rappresentano per le Scuole più intraprendenti un’opportunità di sviluppo.

Concorso caffetteria “Maestri dell'espresso junior”

Questo tipo di manifestazione ha avuto inizio nel 1992, e nel corso della sua storia ha visto oltre 18 mila ragazzi coinvolti nella fase di selezione. Questo concorso, ha lo scolpo di creare punti d’incontro che permettano ai giovani delle scuole alberghiere di avere un riscontro pratico fra ciò che studiano a scuola e il mondo che li aspetta fuori, e pone particolare importanza sulla QUALITA’ dei prodotti proposti.
Maestri dell’Espresso Junior prevede:

  • iscrizione on–line per partecipare alla preselezione, dove un team di esperti stabilisce l’accesso alla finale valutando la preparazione dello studente attraverso un video. Nel viedeo l’allievo candidato dovrà dare informazioni su: caffè verde, la sua produzione nei paesi di origine, il processo industriale che va dalla realizzazione della miscela al packaging finale del caffè tostato, la descrizione delle caratteristiche e variabili delle attrezzature utilizzate, macchina espresso e macinadosatore, realizzando praticamente un caffè espresso e un cappuccino.

Gli studenti che supereranno la preselezione accederanno alla finale, dove i vincitori saranno scelti fra 24 finalisti. I vincitori riceveranno: oltre il diploma di “MAESTRI DELL’ESPRESSO JUNIOR”, una Borsa di Studio di 1.250,00 euro il primo classificato, 1000,00 euro il secondo e 750,00 il terzo.

Promozione alla salute

  • PROGETTO SICUREZZA
  • EDUCAZIONE SOCIOAFFETTIVA E SESSUALE
  • CONOSCERE IL CONSULTORIO
  • EDUCARE ALLA LEGALITA'
  • PROGETTO DIDATTICO IN COLLABORAZIONE CON LA COMUNITA’ DI SAN PATRIGNANO
  • APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO
  • PREVENZIONE HIV E MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI
  • ALCOL E GUIDA

 

Cene per i genitori degli allievi del primo anno

Dopo qualche mese di lezioni e prove pratiche, per incentivare i ragazzi, si è pensato di organizzare delle cene, in cui gli invitati saranno i genitori degli allievi.
Si organizzeranno 2 serate, una per ogni classe, in cui i ragazzi potranno mettersi alla prova. Gli allievi sceglieranno il settore dove operare per la riuscita del servizio, alcuni prepareranno i piatti in cucina e altri serviranno in sala.
Tutti i ragazzi coinvolti saranno presenti con la loro divisa nel rispetto delle regole di igiene e sicurezza per svolgere al meglio i compiti assegnati dall’insegnante.
I menù saranno discussi tra i docenti del TPO e gli allievi. Qualche settimana prima verranno fatte delle prove dei piatti da realizzare, dove si potrà sperimentare e condividere le ricette da eseguire.
Le serate saranno organizzate in modo che ogni allievo sappia svolgere il compito assegnato, dimostrando ai propri genitori le competenze acquisite.

 

Attività motoria sul territorio:

  • ENAIP SULLA NEVE
  • GARE DI ATLETICA
  • GARA DI PESCA

 

Trasformazione e lavorazione delle carni e di prodotti tipici trentini

E’ intenzione del CFP Enaip di Riva del Garda attivare anche per l’anno 2012-2013 la progettazione riguardante lo sviluppo delle competenze professionali sulla trasformazione e la lavorazione delle carni e relativa produzione di diversi prodotti tipici trentini, sul versante prettamente didattico durante il triennio del Macrosettore Alberghiero e della Ristorazione.
Tale progettualità si pone come obiettivo principale quello di orientare gli studenti che frequentano il macrosettore alberghiero e della ristorazione anche nei confronti della successiva specializzazione proposta nel IV anno prevista per questa filiera produttiva, rispondendo altresì alle attese delle categorie economiche di riferimento delle attività della trasformazione alimentare-prodotti di macelleria.

Altre iniziative

  • Giovani albergatori
  • Il quotidiano in classe
  • Progetto agenzia del lavoro e delle entrate
  • L'esperto in classe: la persona umana ed il lavoro come progetto del proprio futuro
  • Giornata micologica
  • Giornata dell'apicoltura
  • Corso per l'esame del "patentino ciclomotore"

realizzato da net wise