Progetti

L’accoglienza al Centro

I primi giorni di scuola sono rilevanti ai fini di un corretto inserimento dei ragazzi, sia nella realtà formativa sia in quella sociale. Il Centro ritiene importante avviare in modo graduale un’azione di socializzazione e di condivisione degli obiettivi e del sistema di regole e buone pratiche. Il Progetto accoglienza si prefigge di fornire una conoscenza strutturata del Centro ed un’integrazione tra i ragazzi. Nei primi giorni di scuola gli studenti delle classi prime si ritrovano insieme in attività di gruppo finalizzate alla conoscenza reciproca e alla valutazione delle conoscenze in ingresso nell’area linguistica e della comunicazione, nella lingua straniera e in matematica. L’attività si conclude con un’escursione a piedi che ha come obiettivo non solo la socializzazione, ma anche la conoscenza del territorio. Durante il corso dell’anno sono inoltre previste ulteriori attività di gruppo che mirano al consolidamento delle relazioni tra gli allievi e a al loro rispetto reciproco. 

Educazione all’ambiente

L’educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile svolge un ruolo fondamentale nel processo di responsabilizzazione dei cittadini e, in particolar modo, degli studenti, per l’assunzione di comportamenti e stili di vita all’insegna del rispetto dell’ambiente, come si evidenzia nella Carta d’Intenti siglata nel 2009 da Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).  L’approfondimento della conoscenza delle tematiche ambientali da parte degli alunni del Centro riveste un ruolo di vitale importanza nel processo di costruzione di consapevolezze e responsabilità sulle tematiche legate all’ambiente. È necessario, dunque, rendere i ragazzi protagonisti di numerose azioni di responsabilità sociale, guidandoli al contatto diretto con l’ambiente. Sulla base di un sistema di raccolta differenziata attivo nel Centro a partire dallo scorso anno, gli allievi sono chiamati ad applicare procedure di raccolta nelle aule, negli altri ambienti della scuola e nei laboratori e ad applicare procedure di smaltimento dei rifiuti nei reparti. A tale scopo da un paio di anni vengono allestite presso il Centro in collaborazione con gli operatori dell’ente Appa, mostre didattiche attraverso le qualo gli allievi possono apprendere, attraverso dinamiche laboratoriali, gli elementi cardine di stili di vita ecologici. 

Ecoristorazione in Trentino

Nel corso dell’anno formativo 2016-2017, il Centro - in collaborazione con l’Agenzia provinciale per l’ambiente- ha sperimentato le procedure del disciplinare Ecoristorazione, mirando all’ottenimento di un marchio che certifichi l’uso corretto della risorsa idrica ed energetica, la valorizzazione dei prodotti locali e l’utilizzo di pratiche per la riduzione dei rifiuti e dello spreco alimentare. In sintesi la scuola ha messo in atto azioni che contribuiscono alla riduzione dell’impatto della ristorazione sull’ambiente ed è stata la prima in Italia a ottenere il marchio Ecoristorazione.

La politica ambientale che la scuola intende perseguire, in particolare in tutte le attività legate al servizio di ristorazione, è la seguente:

  • valorizzare i prodotti trentini, locali e solidali;  
  • utilizzare in modo attento le risorse naturali e diffondere i risultati delle buone pratiche di sostenibilità;  
  • migliorare la raccolta differenziata, in particolar modo degli scarti alimentari; 
  • monitorare e gestire al meglio i consumi energetici; 
  • ridurre i consumi di acqua, valorizzando l’acqua di rete nella nostra proposta ristorativa; 
  • utilizzare correttamente i detersivi e i prodotti non alimentari.

Materiale prodotto dai ragazzi: OPUSCOLO e VIDEO

Link utili: 

Ecoristorazione Trentino

Ecoristorazione Trentino - Istituti Alberghieri

Pagina dei contatti - ecoristorazione@provincia.tn.it - Tel. 0461 497738

Promozione della salute e di corretti stili di vita

La promozione della salute, pur essendo un concetto teorizzato in varie epoche storiche, è stato codificato nel 1986 dalla "Carta di Ottawa per la promozione della salute", a distanza di venticinque anni costituisce un importante quanto attuale documento di riferimento per lo sviluppo di politiche orientate alla salute. Obiettivo del Centro è quello di identificare e sperimentare un modello organizzativo/gestionale affinché la scuola stessa diventi protagonista di un processo di promozione della salute, con uno sforzo culturale che ponga scuola, famiglia e adolescenti al centro delle azioni collettive per la promozione della salute, con interventi rivolti alla prevenzione e non dettati da emergenze e rischi. In tal senso, tutte le iniziative legate al benessere psicofisico, alla sessualità e alla sicurezza personale e professionale si svolgono in strettissima collaborazione con il Distretto Sanitario, il Coordinamento Alcol, Guida e Promozione della Salute, le Forze dell’Ordine ed i Peer-Educator.

  • Progetti di Peer Education: Alcool e fumo e Educazione alla sessulaità;
  • Gli adulti significativi e le tossicodipendenze;
  • Primo Soccorso;
  • Consultorio per ragazze e ragazzi dai 14 ai 24 anni;
  • Stalking, pedopornografia, bullismo, circolazione stradale, diritti umani, contraffazione e proprietà industriale, interessi diffusi (ambiente, salute, lavoro, patrimonio culturale), attualità e realtà locale, accesso ad internet e rischi connessi;
  • Sportello orientamento, interno al Centro, aperto ad allievi (anche provenienti da scuole medie e altri istituti), famiglie e altri utenti, per lo svolgimento di colloqui di orientamento e di counseling.
  • Sportello ascolto, guidato da uno psicologo e finalizzato al singolo adolescente al quale è data la possibilità di approfondire tematiche personali e relazionali.

Le attività sportive

Con lo scopo di contribuire alla formazione, alla socializzazione e allo sviluppo della personalità degli alunni sono previste attività sportive quali tornei di pallavolo, di pallamano basket e calcetto “adattato”, uscite didattiche (sci, atletica leggera ecc.)

L’apprendimento integrato di contenuto e di lingua - CLIL

La metodologia CLIL, sostenuta e incoraggiata ad essere adottata da tutte le istituzioni scolastiche permette l’apprendimento integrato di contenuto e di lingua (Content and Language Integrated Learning). Si tratta di un metodo applicabile a tutte le discipline teoriche, che permette di utilizzare la lingua straniera, per l'apprendimento di diversi contenuti che siano essi di carattere scientifico, matematico che storico-economico-sociale. Grazie ad un approccio a doppia focalizzazione, il CLIL offre un contesto più naturale e autentico di apprendimento integrato, che porta immediatezza, rilevanza e valore aggiunto. Il CLIL utilizza una comunicazione semplificata rispetto a quella convenzionalmente utilizzata dal docente di materia e nello stesso tempo garantisce l'apprendimento di tutti i contenuti essenziali. La valutazione dell'apprendimento di tali contenuti è pertanto legata alla materia e non alla lingua. Il CLIL prevede l'utilizzo di materiali didattici autentici esclusivamente in lingua straniera e le modalità di lavoro di gruppo come il cooperative learning e il task based learning. Il fine é l'apprendimento integrato di contenuti e lingua, attraverso lo sviluppo di uno speciale approccio integrato anche dell'insegnamento e dell'apprendimento e un'attenzione speciale da parte degli insegnanti non solo a come insegnare la lingua ma anche al processo educativo più in generale. I moduli CLIL sono svolti da insegnanti con competenza linguistica e metodologica adeguata nell'ambito delle discipline di lingua straniera e delle discipline di competenza degli insegnanti non di lingua. I moduli CLIL da trattare, i destinatari e la durata, saranno individuati dai docenti in collaborazione, prediligendo temi quali la geografia turistica, l'offerta turistica del territorio, il cibo e il vino, metodi e tecniche di servizio. Altri temi potranno essere individuati o indicati nel corso dell'anno.

Le attività esterne e i soggiorni all’estero

Durante il percorso formativo sono previsti diversi momenti di socializzazione sia tra gli studenti che con il mondo del lavoro. Questi ultimi consentono ai ragazzi di conoscere direttamente i vari contesti produttivi o di servizio, favorendo nel contempo la maturazione di una scelta professionale consapevole. Se durante il primo anno le uscite formative favoriscono l’orientamento, la socializzazione, la crescita culturale e la motivazione al nuovo contesto formativo, al secondo e particolarmente al terzo anno sostengono e rinforzano il processo orientativo avviato con specifiche visite aziendali. Infatti, le visite guidate e le uscite formative sono specificatamente connesse con la conoscenza delle diverse realtà professionali e dei contesti particolarmente significativi per dei giovani di questa età. Per almeno una visita, nel caso del primo anno di corso, e per ognuna delle uscite programmate al secondo e al terzo anno, gli studenti sono chiamati a documentare ed esporre nell’atrio della scuola l’esperienza vissuta ed analizzata, in formato cartaceo da affiggere in bacheca (cartelloni, fotografie, ecc) oppure in formato multimediale da proiettare sullo schermo (demo, foto, commenti). L'attività dovrà essere curata dai docenti accompagnatori nelle prime ore disponibili al rientro dalla visita. Nel corso del IV anno è prevista un viaggio studio di una settimana all'estero, con corso di lingua e alloggio in famiglia.

Customer service e Open office

Il Centro si è posto l’obiettivo di incrementare progressivamente nel tempo il proprio impegno per avvicinare sempre più alla realtà le attività di laboratorio.  Le capacità relazionali, l’accoglienza del cliente, la gestione del front-office difficilmente possono essere acquisite dall’allievo in un contesto formativo d’aula tradizionale. Vengono pertanto sviluppate attività di simulazione di impresa riproducendo tutto ciò che avviene normalmente all’interno di un albergo o di una struttura turistica. Le attività programmate sono:

  • servizio curato in sala da pranzo;
  • servizio in sala da pranzo in lingua inglese;
  • organizzazione degli eventi e la relativa documentazione (scritti, immagini, video, ecc…);
  • servizio di barman;
  • approvvigionamento e acquisti;
  • inventario beni;
  • servizio delle colazioni.

Programma ECDL Start

La patente Europea per il computer (ECDL) è un attestato che certifica il possesso di una competenza informatica di base, che si identifica con la capacità di operare al personal computer attraverso le più comuni applicazioni e la conoscenza essenziale della tecnologia dell'informazione (IT). Durante le normali lezioni curricolari  i ragazzi hanno modo di prepararsi ad affrontare nell’arco di tempo di tre anni le prove previste.

realizzato da net wise