Noi e il territorio

Le famiglie

Sulla base dell’art. 11 della Legge Provinciale 7 agosto 2006, n. 5 le famiglie partecipano al sistema educativo in conformità ai principi costituzionali, secondo le disposizioni e ai sensi di quanto previsto dallo statuto e dal regolamento interno di ciascuna istituzione scolastica e formativa. Il rapporto con le famiglie degli allievi è determinante ai fini del raggiungimento degli obiettivi formativi prefissati. In questo senso non è sufficiente portare a conoscenza dei genitori l’andamento scolastico dei propri figli o di come si svolge una “giornata tipo” all’interno della scuola. All'interno del progetto formativo del Centro la figura della famiglia è vista come l'interlocutrice principale del processo educativo dei ragazzi. Come di consueto le comunicazioni tra scuola e famiglia hanno luogo mediante il libretto personale dello studente e costanti contatti telefonici e personali con la Direzione. I genitori inoltre possono usufruire delle udienze generali e individuali fissate nel corso dei mesi di dicembre, febbraio e aprile.

Il territorio

Sulla base all’art. 20 della Legge Salvaterra le istituzioni scolastiche e formative concorrono allo sviluppo del territorio in cui operano attraverso la programmazione dell’offerta formativa coerente ai bisogni del territorio. Il Centro ha consolidato, in tutti questi anni, un ottimo rapporto con il mondo economico locale e con le associazioni di categoria, con le istituzioni, con enti e associazioni che operano sul territorio, concretandosi tra l'altro in importanti iniziative. Allo stato attuale il Centro ha stretto dei rapporti di collaborazione con vari soggetti quali:

  • Associazioni di categoria, aziende artigianali e industrie dei settori elettrico e meccanico per l’attività di formazione in azienda;
  • Comuni e Comunità di Valle per corsi, concorsi, interventi di esperti;
  • Biblioteche per cineforum e attività teatrale;
  • Associazioni sportive per un confronto aperto sull’importanza della pratica sportiva.

Di particolare rilevanza è il partenariato costituito a supporto della progettazione e realizzazione del percorso formativo “quarto anno in alternanza” tra il Centro e le aziende: ELCOGRAF S.p.A., CONSORZIO MELINDA S.c.a.r.l., TASSULLO MATERIALI S.r.l., EBARA PUMPS EUROPE S.p.A., DIATEX S.p.A., ELETTRICA s.r.l., NOSIO S.p.a., SANPELLEGRINO S.p.a., TAMA S.p.a., TONALE ENERGIA S.r.l., MEZZACORONA S.C.a.r.l.

Le istituzioni scolastiche e formative

In base all’art. 19 della Legge Salvaterra le istituzioni scolastiche e formative operano attraverso accordi di rete per la migliore utilizzazione delle risorse, il raggiungimento delle proprie finalità istituzionali e il contenimento dei costi. Anche nel corso del corrente anno formativo proseguono varie esperienze progettuali d’integrazione con gli Istituti Comprensivi della Val di Non, della Val di Sole, della Piana Rotaliana e dell’Altopiano della Paganella e gli Istituti superiori di Cles. Le iniziative spaziano dai temi dell’orientamento, dell’integrazione e dell’inclusione.

Rete Bes Valli del Noce

L’accordo si prefigge di coordinare le attività di formazione, aggiornamento, consulenza nell’area dei bisogni educativi speciali per il personale delle istituzioni scolastiche aderenti, di elaborare protocolli d’intesa utili a pianificare interventi con le cooperative sociali presenti sul territorio, di favorire il coinvolgimento delle famiglie verso le tematiche scolastiche, di progettare e realizzare iniziative ed interventi a favore dei singoli portatori di disabilità.

Rete stranieri Valli del Noce

L’accordo nasce dall’esigenza di dare una risposta ai molti problemi che si pongono nell’ambito di questo territorio, dovuti alla rapida e costante presenza di studenti stranieri neoarrivati e di seconda generazione e alla disomogeneità nelle modalità di accoglienza e orientamento nei diversi Istituti. Gli obiettivi che questo accordo vuole perseguire sono quelli di organizzare e attuare laboratori di lingua per la comunicazione per gli studenti stranieri; favorire una stretta sinergia fra le azioni svolte e gestite dai laboratori e quelle svolte dai docenti curricolari delle classi in cui sono inseriti gli studenti stranieri; organizzare corsi di aggiornamento per tutti gli insegnanti sulla lingua per comunicare e sulla lingua per lo studio; coordinare l’orientamento degli studenti stranieri nella fase d’inserimento nelle scuole.

Rete stranieri Laboratorio di L2

L’accordo è siglato tra due Istituti superiori e i tre CFP del territorio al fine di organizzare e attuare, attraverso un Laboratorio di L2, una rete di supporto per l’accoglienza, l’orientamento, la valutazione delle competenze in entrata e l’insegnamento dell’italiano come seconda lingua; queste attività coinvolgono studenti stranieri iscritti in una delle istituzioni scolastiche aderenti all’accordo. Le scuole aderenti al Progetto s’impegnano ad individuare ognuna un insegnante referente che mantenga i rapporti con il Laboratorio e collabori con lo staff di rete per le attività che esso svolge. Insegnanti facilitatori di Italiano L2, mediatori culturali e il Centro Millevoci sono ulteriori risorse coinvolte nell’attività di Laboratorio L2.

Rete Orientamento

I Dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi, degli Istituti d’Istruzione Secondaria Superiore e dei CFP delle Valli del Noce hanno promosso una Rete Territoriale per l’Orientamento, per dare una risposta concreta alle molte criticità emerse all’interno dei vari istituti. Riconoscendo che l’orientamento scolastico e formativo rappresenta la necessaria premessa per la costruzione del progetto di vita di una persona, si è concordi nel ritenere che l’azione orientativa raggiunga più facilmente il suo scopo se ha come fondamento la costruzione dell’identità personale a partire dalla conoscenza di sé, se si pone come valido supporto nei momenti di passaggio.
Il Centro programma ed organizza iniziative di orientamento in ingresso per presentare l'offerta formativa a genitori e studenti che si accingono ad operare la scelta di indirizzo per il proseguimento degli studi dopo la licenza media o per chi intende cambiare istituto. A tal proposito sono previsti:

  • incontri con gli insegnanti orientatori delle Scuole Medie;
  • incontri e visite con genitori e/o allievi presso le Scuole Medie;
  • incontri e visite presso il Centro per genitori e/o allievi;
  • colloqui con la Direzione e gli insegnanti orientatori del Centro;
  • giornate di “Scuola aperta” durante i mesi di dicembre e gennaio;
  • fiere e mostre, interne ed esterne, organizzate dagli allievi del Centro.

realizzato da net wise